News

Confcommercio incontra il ministro Giorgetti

Pubblicato sabato 19 giugno 2021

Giornata “speciale” per la riunione della Giunta Confcommercio che ha ospitato il ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti. In apertura di lavori è stato presentato un Report dell’Ufficio Studi Confcommercio sui consumi regionali 2019-2021.
Ha preso quindi la parola il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli. “Abbiamo discusso e deliberato come Consiglio e come Giunta – ha detto Sangalli – su vari provvedimenti che però hanno un minimo comune denominatore: il tema della sostenibilità economica e sociale. La sostenibilità delle imprese, dei sistemi di rappresentanza e delle istituzioni. Nel corso di questo anno durissimo, in tanti momenti drammatico, abbiamo interpretato fino in fondo il ruolo di corpo sociale, stando accanto giorno per giorno, ora per ora, al nostro mondo del commercio, del turismo, dei servizi, dei trasporti e delle professioni, il più penalizzato dall’emergenza sanitaria. Oggi la situazione è in miglioramento: la diffusione dei contagi è in costante e drastico calo, la campagna vaccinale procede, le restrizioni man mano si riducono”.  Il presidente di Confcommercio ha poi osservato la difficoltà del cammino: “Siamo arrivati a questi risultati con grande fatica. Abbiamo fatto, anche qui, la nostra parte, dai protocolli sanitari all’impegno e alla responsabilità di aver assicurato la tenuta economica e soprattutto sociale in una delle stagioni più difficili del nostro Paese”.
Sangalli ha poi ricordato i numeri del report dell’Ufficio Studi sui consumi sottolineando come la crisi non sia ancora alle spalle. “Tra l’altro – ha ricordato Sangalli –  non dimentichiamo che sono ancora moltissime le imprese chiuse e per alcune, come le discoteche, non è ancora prevista una data per la riapertura. Certo, sappiamo che gli interventi pubblici dovranno ridursi, si proceda, però, in modo graduale e selettivo, affrontando e rivolvendo, tra l’altro, il nodo di una moratoria lunga del debito fiscale da Covid-19”.
Tanti i temi toccati dal presidente di Confcommercio e portati all’attenzione del ministro Giorgetti. “Cercando di lanciare lo sguardo oltre l’orizzonte dell’immediata ripresa, è certamente necessario guardare al futuro attraverso la lente del PNRR. In questo orizzonte, assume particolare rilievo la crescita del tasso di partecipazione della popolazione attiva al mercato del lavoro, a partire dai più giovani. Serve una stagione di robuste politiche attive fondate sulle competenze e su servizi pubblici e privati per l’impiego di qualità. E resta ferma l’esigenza di un recupero strutturale di flessibilità sul versante dei rapporti di lavoro”.
Quanto, poi, alla riforma degli ammortizzatori sociali, secondo Sangalli “l’obiettivo deve essere quello di coniugare l’inclusività delle prestazioni con la sostenibilità della contribuzione e con la valorizzazione di esperienze ed esigenze, a partire da quelle dei nostri settori. La situazione del terziario di certo non consente di affrontare incrementi contributivi del costo del lavoro”. “In generale – ha poi aggiunto Sangalli – c’è il tema della riforma fiscale a partire dalla riforma dell’IRPEF: va certamente ridotto il cuneo fiscale sul lavoro, ma la questione non può risolversi nello “scambio” tra meno imposte dirette e più imposte indirette. La via maestra è nota: contrasto e recupero di evasione ed elusione insieme al controllo della spesa pubblica. E naturalmente un’equa global tax. I tempi sembrano ormai maturi”.
Tornando al Pnrr, Sangalli ha precisato che dal punto di vista del merito, serve una giusta attenzione, in termini di politiche, di progetti e di risorse, al terziario di mercato. “Oggi, solo per fare un esempio – ha detto – le risorse in modo specifico dedicate al turismo sono inferiori ai due miliardi di euro. Occorre dunque fare di più. E ancora: il Piano stanzia oltre 40 miliardi di euro per le infrastrutture e la mobilità sostenibile.  Ma per trasformare questi stanziamenti in nuove infrastrutture ed in nuovi servizi concreti di mobilità andrà vinta la sfida delle riforme e coinvolto il settore privato”. Infine, per Sangalli lo stesso PNRR “può e deve accompagnare le trasformazioni necessarie del modello italiano di pluralismo distributivo: multicanalità, ripensamento delle città contro la desertificazione che resta un tema di sostenibilità economica e sociale. Occorre certo intervenire anche sulla leva fiscale: sia attraverso riduzioni d’imposte, tributi e tariffe volte a rivitalizzare il mercato delle locazioni commerciali, sia attraverso la riduzione dei canoni a fronte del riconoscimento di regimi di tassazione agevolata”.
Tra gli altri temi toccati da Sangalli ci sono stati quello della concorrenza a parità di regole fra tutti coloro che operano nel mondo del commercio, perché come ripetiamo spesso “stesso mercato, stesse regole”. E quindi il contrasto serrato alla contraffazione ed abusivismo, la valorizzazione del Made in Italy e dello stile di vita italiano, anche attraverso nuove strategie sulla proprietà industriale. E c’è anche il tema del credito d’imposta per le locazioni commerciali e contratti d’affitto d’azienda anche per le imprese con fatturati superiori ai 15 milioni di euro. Ed, ancora, la valorizzazione compiuta dell’opportunità dello stesso superbonus del 110%, a partire dalla piena partecipazione delle imprese e dei professionisti, anche in termini di semplificazione ed estensione temporale.
Sangalli ha quindi concluso il suo intervento con un’ultima riflessione: “Da gennaio 2021 tutte le moratorie – automatiche o volontarie – con durata superiore a 9 mesi comportano la classificazione dei sottostanti crediti come “deteriorati” da parte del sistema bancario. E questo indipendentemente dalla capacità di rimborsare puntualmente i finanziamenti alla scadenza della moratoria. Ciò ha creato un paradosso. Infatti da una parte le aziende si avvalgono delle moratorie previste dai provvedimenti governativi legati all’emergenza, anche per avere più liquidità a disposizione. Dall’altra scatta l’obbligo per le banche di classificare questi crediti come deteriorati. Tutto ciò con un doppio danno: per le banche, costrette ad aumentare le rettifiche sui crediti e a subire maggiori assorbimenti di capitale e per le aziende stesse, che vedono penalizzato il loro rating bancario”. “E’ una partita che si gioca a livello europeo e di BCE – ha concluso Sangalli – c’è la necessità che il governo intervenga con autorevolezza. Anche in considerazione che, secondo quanto oggi riporta la stampa, sembrerebbe critico il confronto sull’allungamento dei tempi di restituzione dei prestiti assistiti dalle garanzie pubbliche. Stessa considerazione di intervento europeo va fatta anche in relazione all’impennata dei costi delle materie prime”.

In Italia è in corso una drammatica crisi demografica, in particolare nel Mezzogiorno, che assiste a un’emigrazione massiccia dei giovani in particolare verso l’estero“. Con queste parole il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, ha iniziato il suo intervento in streaming davanti alla Giunta confederale di Confcommercio. “In tutte le analisi di tipo macroeconomico che vengono diffuse, manca sempre quest’aspetto: una riflessione seria sulla drammatica crisi demografica che riguarda il nostro paese. E in particolare al Sud anche per motivi di rinnovata emigrazione massiccia verso il nord e soprattutto verso paesi stranieri“, ha segnalato Giorgetti. “Questo aspetto – ha proseguito – che ha anche tanti riflessi di carattere sociale, culturale, però anche dei riflessi importanti in termini economici non solo sui consumi ma sulla capacità di una società più giovane di essere più reattive alle sfide che vengono poste, in particolare al digitaleLa ripresa toccherà in modo diverso settori e settori, ci saranno settori in cui ci sarà carenza di forza lavoro altri con il fenomeno opposto e dobbiamo sforzarci di gestire, in questa fase in cui ci saranno inevitabilmente scompensi tra filiere, di aiutare il ricollocamento dei lavoratori con una formazione e con una capacità di restyling molto veloce rispetto alla fase di crescita forte, difficile da gestire in alcuni settori“. “Con il ministro Orlando – ha sottolineato Giorgetti – abbiamo parlato e la settimana prossima ci vediamo per approfondire vari aspetti che non sono solo i nuovi ammortizzatori sociali, che pure servono, ma proprio come gestire questa fase nuova per il mercato del lavoro“.
Dobbiamo fare gli scongiuri – ha detto il ministro – ma il traguardo del 5%, se tutto va bene potrebbe essere raggiunto ma solo alla fine del 2022 torneremo ai livelli pre-crisi, quindi è un percorso lungo che ci dovrà vedere uniti per tornare ai consumi delle famiglie nella fase precedente alla crisi”. In questa fase di riaperture delle attività commerciali e produttive “ci sono problemi che ci portiamo dietro e ci vuole da parte delle autorità nazionali ed europee un minimo di comprensione: ad esempio la vicenda relativa alle cartelle esattoriali deve trovare un temperamento sulle sanzioni, credo che il Parlamento stia provvedendo a un rinvio“. “Ma anche per tutti gli accertamenti che verranno – ha aggiunto Giorgetti – dobbiamo immaginare una sorta di ammortamento su tutto quello che si è accumulato come debito in questo anno e mezzo. Non può essere richiesto alle attività imprenditoriali che escono faticosamente dalla crisi la pronta onorabilità dei debiti“.
Il ministro ha chiuso il suo intervento con un messaggio di speranza per gli imprenditori: “Voglio dire agli imprenditori che non bisogna avere paura. Gli imprenditori devono avere fiducia e coraggio come hanno sempre fatto, devono salire sul ring della nuova sfida che ci viene posta in un’epoca più complicata rispetto al passato. Il governo è al loro fianco e con loro affronta questa sfida per vincerla per gli interessi dell’Italia”.

    CONVENZIONI

    Caricando...