News

Ecco il decreto “Cura Italia”

Pubblicato mercoledì 18 marzo 2020

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale ed è già in vigore il decreto-legge “Cura Italia”.
Queste, in sintesi, le norme di interesse per gli esercizi di vendita di prodotti ortofrutticoli.

STOP VERSAMENTI FISCO FINO A VENERDI’ PER TUTTI
Tutti i versamenti nei confronti delle pubbliche amministrazioni, compresi contributi previdenziali e assistenziali e i premi per l’assicurazione obbligatoria, in scadenza il 16 marzo sono prorogati al 20 marzo 2020.

STOP VERSAMENTI IMPRESE E PROFESSIONISTI SOTTO 2 MLN EURO
Per imprese, autonomi e professionisti che sono sotto i 2 milioni di ricavi i versamenti alla cassa per saldare le ritenute, l’Iva annuale e mensile, nonchè i contributi previdenziali e quelli Inail sono rinviati al 31 maggio e potranno essere pagati in un’unica soluzione in un’unica soluzione o in massimo 5 rate mensili.

STOP TERMINI ADEMPIMENTI FISCALI
Sospesi per tutti gli adempimenti fiscali con scadenza tra l’8 marzo 2020 e il 31 maggio 2020.I versamenti sospesi sono effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un’unica soluzione entro il 31 maggio 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo dal mese di maggio.

CREDITO D’IMPOSTA PER AFFITTI BOTTEGHE E NEGOZI
Per gli esercenti di negozi e botteghe è riconosciuto un credito d’imposta nella misura del 60% dell’ammontare del canone di affitto, relativo al mese di marzo.

CREDITI D’IMPOSTA PER SANIFICAZIONE AMBIENTI DI LAVORO
Per incentivare la sanificazione degli ambienti di lavoro, per chi esercita attività d’impresa, arte o professione è riconosciuto, per il periodo d’imposta 2020, un credito d’imposta nella misura del 50% delle spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro fino a un massimo di 20.000 euro. Il credito d’imposta è riconosciuto fino all’esaurimento dell’importo massimo di 50 milioni di euro per il 2020.

CONGEDO SPECIALE E VOUCHER BABYSITTER PER GENITORI
A partire dal 5 marzo per i genitori lavoratori dipendenti del settore privato e autonomi che si trovano a fronteggiare la chiusura delle scuole in arrivo una forma di congedo parentale straordinario, per i figli fino a 12 anni di età, per un periodo continuativo o frazionato fino a 15 giorni, con un’indennità pari al 50% della retribuzione o di 1/365 del reddito. Il limite di età non si applica in caso di figli con disabilità. Inoltre, i genitori dipendenti del settore privato con figli minori, tra i 12 e i 16 anni, hanno diritto di astenersi dal lavoro per il periodo di chiusura delle scuole, senza corresponsione di indennità nè riconoscimento di contribuzione figurativa, con divieto di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro.

BONUS 100 EURO PER CHI LAVORA IN SEDE
Arriva un bonus di 100 euro per i lavoratori dipendenti con reddito complessivo non superiore a 40.000 euro, che, durante il periodo di emergenza, continuano a prestare servizio nella sede di lavoro nel mese di marzo.

24 GIORNI IN PiU’ PERMESSI 104 A MARZO-APRILE
I permessi previsti dalla legge 104 potranno essere aumentati di 12 giorni sia nel mese di marzo che nel mese di aprile.

FONDO ULTIMA ISTANZA PER REDDITI BASSI
Arriva il “Fondo per il reddito di ultima istanza” per garantire un’indennità ai lavoratori dipendenti e autonomi che hanno àcessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro.

CASSA IN DEROGA PER TUTTI FINO A 9 SETTIMANE
Cig in deroga per tutto il territorio nazionale e per tutti i settori produttivi, per un periodo massimo di 9 settimane, anche per le imprese escluse dagli ammortizzatori sociali, comprese quelle agricole, della pesca e del terzo settore, previo accordo sindacale anche in via telematica (accordo non richiesto per i datori di lavoro che occupano fino a cinque dipendenti). Prevista inoltre la possibilità di Cig ordinaria, per un massimo di 9 settimane, per i datori di lavoro che hanno dovuto sospendere o ridurre l’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza. Autorizzata inoltre la Cig ordinaria anche per le imprese che già si trovano in Cig straordinaria e un assegno ordinario fino a 9 settimane per le imprese che hanno in corso l’assegno di solidarietà.

INDENNITA’ PER AUTONOMI
In arrivo un’indennità di 600 euro per il mese di marzo per i lavoratori autonomi.

VIETATO LICENZIARE PER DUE MESI
Per i prossimi due mesi le aziende non potranno licenziare sulla base del “giustificato motivo oggettivo”.

QUARANTENA EQUIVALE A MALATTIA
Prevista l’equiparazione dell’assenza per quarantena alla malattia, già prevista per il settore pubblico, anche per il settore privato.

MORATORIA PRESTITI PMI E MICRO IMPRESE
Moratoria sui prestiti e sulle linee di credito delle Pmi e micro imprese che facciano richiesta alla banca o altro intermediario finanziario che ha concesso il credito, con garanzia pubblica al 33%. Previsto un bonus fiscale per la cessione dei crediti deteriorati.

    CONVENZIONI

    Caricando...