News

Il Veneto aumenta la sua rappresentanza in seno al nuovo Consiglio nazionale Fida

Pubblicato venerdì 25 settembre 2020

Sono stati rinnovati ieri i vertici nazionali della Fida con la conferma di Donatella Prampolini alla presidenza e con l’elezione dei nuovi componenti il Consiglio nazionale, che resterà in carica per i prossimi cinque anni. Del Consiglio  fanno parte anche tre veneti: il presidente veneto e di Padova Michele Ghiraldo, titolare di un’enogastronomia; il presidente di Treviso Riccardo Zanchetta, titolare di un caseificio; il presidente di Venezia Alberto Teso, titolare di un’azienda di distribuzione di vini e bevande.
“Tre componenti su 15 è un ottimo risultato che ci inorgoglisce e premia il lavoro svolto in Veneto – dichiara il presidente regionale e patavino Michele Ghiraldo – La nostra regione si caratterizza per l’eterogenità delle attività commerciali presenti nel settore dell’alimentazione. Soprattutto abbiamo tanti negozi di nicchia che offrono al pubblico prodotti tipici di alta qualità. Sono come scrigni da custodire gelosamente”.
La pandemia da Covid ha insegnato molto. Ghiraldo sottolinea come “i mesi del lockdown abbiano riaffermato la preziosità e l’alto valore sociale dei negozi di vicinato della nostra categoria. I cittadini chiedevano che la spesa fosse recapitata a casa e il servizio è stato reso molto rapidamente. Il negoziante è un punto di riferimento per la gente e la sua attività non solo svolge una funzione sociale, ma è anche presidio del territorio: dove c’è una vetrina accesa, c’è una zona più viva”.
Il mandato a livello nazionale si apre con obiettivi chiari.
“I cinque anni appena conclusi – riprende Ghiraldo – hanno riaffermato il brand di Fida. Nel prossimo quinquennio il nostro impegno a livello nazionale sarà di meglio analizzare e soddisfare le esigenze della clientela. Ora che siamo rientrati nell’alveo della normalità, quello che abbiamo imparato con il lockdown va capitalizzato. Alle istituzioni chiediamo politiche di sostegno per il commercio di vicinato: gli strumenti ci sono, ad esempio i distretti, così come le risorse. Non bisogna lasciare nulla di intentato, ma programmare a lungo respiro e stare vicino a chi ogni giorno opera per la propria clientela”.

    CONVENZIONI

    Caricando...