News

“Maiali nella nebbia” nella provincia ferrarese

Pubblicato lunedì 27 novembre 2017

Torna a grande richiesta la seconda gustosa edizione di “Maiali nella Nebbia”: dopo il successo della prima iniziativa svolta nell’autunno 2016 rientra oggi sulle tavole dell’intera provincia di Ferrara la manifestazione dedicata alle carni suine con due importanti novità. In primo luogo la distribuzione geografica: l’iniziativa ora è allargata di fatto all’intera provincia di Ferrara e coinvolge un periodo di tempo più lungo rispetto ad un solo fine settimana come l’anno precedente.
Quest’anno la manifestazione si concluderà il 3 dicembre. Ristoranti, trattorie e gastronomie – dislocate in molti comuni del ferrarese si cimenteranno nella preparazione, in tutte le salse, delle carni di maiale, offrendo piatti particolari ed a prezzi speciali, secondo esperienze e tradizioni che variano da luogo e luogo.
Chiara Cavicchi, sindaco di Voghiera, ricorda: “Il filo rosso sulle eccellenze enogastronomiche locali ormai unisce il Comune di Voghiera ed Ascom in un percorso strutturato ed efficace di promo-valorizzazione con diverse tappe: dal gemellaggio con Solomiac in Francia, all’appuntamento con “Voghiera in Tavola”, fino a Maiali nella Nebbia. Sempre con lo scopo di valorizzare la ristorazione ed in particolare quella tradizionale”.
“Abbiamo pensato ad un progetto che diventasse più strutturale per valorizzare le eccellenze tipiche di questo territorio – spiega Davide Urban, direttore generale di Confcommercio Ferrara, che ha di fatto promosso e sostenuto questa iniziativa –. È stata allargata l’ampiezza territoriale dell’iniziativa, dando così non solo un momento di degustazione ai clienti ma anche un’occasione di visibilità in più agli operatori della filiera gastronomica, dalla bottega al ristorante”.
Dal canto suo, Alberto Succi, vicepresidente regionale di Federcarni e figura storica dei macellai di Ferrara dichiara: “In questo modo diamo valore e presentiamo correttamente una carne – quella di maiale – che sicuramente è un vanto della nostra tradizione gastronomica ed è spesso attaccata ingiustamente. È il momento di rimettere la verità al centro e nella sua giusta dimensione”.
Maiali nella Nebbia coinvolge anche i dettaglianti alimentari di Fida: “Diamo il pieno sostegno – ricorda Mauro Campi, il suo presidente provinciale –. Tutto ciò che è di qualità, tutto ciò che è di valore, rappresenta qualcosa di unico da salvaguardare e proporre ai palati dei ferraresi e non solo”.
Venendo ai numeri, l’edizione 2017 praticamente fa il bis: si contano 38 attività di ristorazione  cui si aggiungono altri 30 esercizi tra gastronomie e macellerie, per un totale di 68 attività coinvolte dall’Alto al Basso Ferrarese, rispetto alle 35 dell’edizione 2016.

    Share

    CONVENZIONI

    Caricando...