News

Novità per i ticket: cancellato il limite dell’utilizzo singolo

Pubblicato venerdì 8 settembre 2017

Da domani sarà possibile pagare utilizzando fino a 8 buoni pasto, senza infrangere alcuna norma. Viene, infatti, cancellato il limite dell’utilizzo singolo dei ticket e viene ampliata la tipologia di esercizi commerciali che li possono accettare, includendo, per esempio, gli agriturismi.
Con l’entrata in vigore del decreto 122/2017 del ministero dello Sviluppo economico si ampliano le possibilità di utilizzo: oltre a bar, ristoranti, negozi e supermercati, i buoni pasto saranno spendibili presso agriturismi, ittiturismi, mercati e in tutte quelle attività di vendita effettuate direttamente dal produttore. Inoltre mentre finora, almeno sulla carta, si poteva usare solo un ticket alla volta, quindi per un valore massimo di 5,29 euro se il buono è cartaceo e di 7,00 euro se è elettronico, da domani è ufficialmente ammessa la cumulabilità fino a otto.
La normativa che entra in vigore domani ha il pregio di prendere atto dell’utilizzo cumulativo ampiamente diffuso e di stabilire una soglia ragionevole di cumulabilità, che proprio per questa caratteristica potrebbe essere rispettata.
Su questo fronte la partita è in mano agli esercizi commerciali, per i quali l’accettazione dei ticket costituisce un servizio alla clientela se non una vera e propria “arma commerciale” (accetto senza problemi qualunque tipo di ticket pur di sottrarre clienti alla concorrenza), ma comporta anche un costo non trascurabile. Negli scorsi anni gli esercenti, soprattutto i più piccoli, hanno protestato spesso contro le condizioni commerciali da rispettare nei confronti delle società che emettono e gestiscono i buoni pasto. Infatti se il valore facciale è di 5,29 o 7 euro, l’esercente incassa fino al 20% in meno e con tempi di pagamento che in passato arrivavano fino a 8 mesi.
Il decreto del ministero dello Sviluppo economico interviene anche su questo fronte, stabilendo ad esempio il diritto per l’esercente di siglare solo un’offerta base, senza servizi e costi aggiuntivi e prevedendo il rispetto del decreto legislativo 231/2002, quindi con la decorrenza degli interessi di mora per i pagamenti effettuati oltre 30 giorni dal termine (che può essere la semplice richiesta di pagamento) salvo diversa intesa tra le parti.

    Share

    CONVENZIONI

    Caricando...