News

Zanetti: determinati a tagliare l’Irpef al ceto medio

Pubblicato venerdì 18 marzo 2016

L’intervento del  viceministro all’Economia, Enrico Zanetti, ha chiuso il primo panel del Forum Confcommercio a Cernobbio, dedicato allo scenario economico internazionale.
Partendo da quest’ultimo Zanetti ha sottolineato che “nel prossimo biennio è prevista una graduale ripresa dell’economia mondiale e dovrebbe essere stata superata la fase più critica, anche se è incerta l’evoluzione dei principali Paesi emergenti”.
Per quanto riguarda la situazione europea, “gli interventi della Bce sono fondamentali, soprattutto perché dovrebbero dare maggiore vigore alla ripresa della domanda interna”. In questo scenario il governo, in vista del Def, “dovrà tenere conto di uno scenario economico meno favorevole per il 2016 ma anche di una resistenza positiva dei consumi privati, previsti in ripresa. Abbiamo sopportato tante situazioni negative in questi ultimi anni, ma ora le condizioni sono diverse perché sono state fatte molte riforme strutturali”. Un aiuto dovrà arrivare dalla governance europea, che “deve fornire i giusti incentivi per una politica di bilancio favorevole alla ripresa adeguando le regole al contesto economico. È infatti necessario – ha sottolineato il viceministro – uno sforzo congiunto europeo per un’iniziativa di sostegno alla crescita e servono altre riforme strutturali per rendere l’economia più competitiva ed attraente”.
Zanetti ha concluso ricordando che nel 2017 l’Ires scenderà al 24% e che ora il governo deve pensare all’intervento Irpef (“siamo determinati a farlo concentrandoci sui redditi del ceto medio”) e a disinnescare le clausole di salvaguardia.

    CONVENZIONI

    Caricando...